Sexy Lucia

0 0 vote
Girl Rating

Non avevo altra scelta che aiutarla ad alzarsi, voltarmi le spalle. Oksana, in piedi con i piedi sul divano e tenendomi il pene con il palmo della mano, glielo ha mandato nel culo, sedendosi. Ho abbassato bruscamente i suoi fianchi e lei si è piantata su di lui, per tutta la lunghezza. Urlare. Alza i palmi, ci stringe i seni, per distogliere il pensiero del rompicoglioni. L’ho schiaffeggiata leggermente. E iniziò ad alzarsi e abbassarsi lentamente sul suo pene. Geme e geme. Ora più dall’alto che dal dolore. Guardo Roman. E ancora, in risposta, un gesto di approvazione e un sorriso. Mentre il mio pene è nel culo di Oksana, lei abbassa la mano e inizia a strofinare il clitoride e le labbra con il palmo. E continuo a spingerle un membro nel culo. Diverse spinte e all’improvviso ricade su di me e inizia a tremare. Anch’io sto finendo. Finisco violentemente, versandole nel culo. Ancora per un minuto restiamo sdraiati in silenzio, accarezzandole leggermente il corpo inerte. Si volta e cerca di baciarmi. Un po ‘scomodo. E poi si ricorda di suo marito. Uno sguardo acuto a lui. E si alza e viene da noi. Si siede tra le gambe. Si china. Bacia la moglie sulla pancia. Si rivolge a lei: – È stato adorabile! Stai bene, mia cara? – Sì. Molto. Ti è davvero piaciuto il modo in cui vengo scopato, tesoro? chiede leggermente imbarazzata. – Sicuro. Mi è davvero piaciuto guardare. Volevo così tanto unirmi a te. Ma come posso aiutarti? – E? – Oksana mi ha guardato in modo cospiratorio, poi suo marito. (lei imbarazzata) – Forse tu ..? – Parla più audacemente. Qualsiasi fantasia. – Allora forse mi leccherai il culo dopo lo sperma di Yura? – E Oksana, imbarazzato, indicò in basso. – DI! Come sei stato bravo! Sicuro. Roman si chinò, fece scorrere la lingua un paio di volte sulle labbra della moglie, sul suo clitoride. Poi ho sollevato. Oksana per il culo. Il mio cazzo molle le è saltato fuori dal culo. Il mio sperma ha iniziato a fluire da lei. Ma Roman mise subito la bocca nel buco e iniziò a leccare e succhiare il liquido viscoso che ne scorreva. – Dio. Così contento! – disse Oksana. – Spingere. Esci da te stesso, amore. La moglie si irrigidì e un’altra porzione di sperma fluì da lei, sulla lingua sporgente del marito. Di nuovo leccò tutto delicatamente per lei. Restammo seduti in silenzio sul divano per un po ‘. Parlato. Oksana continuò a sedersi sulle mie ginocchia, abbracciandomi il collo. Il romanzo ci ha mostrato come il suo pene si sia gonfiato da ciò che ha visto e ha detto che, secondo la sua ipotesi, dopo diverse sessioni di psicoterapia, sarebbe stato in grado di unirsi a noi in un ruolo attivo. Dopo essere rimasto seduto così per trenta minuti, Roman si offrì di visitare di nuovo il bagno. Abbiamo concordato. Oksana ha cercato di alzarsi da me, ma l’ho fermata e l’ho portata alla vasca tra le mie braccia, il che le ha causato un piacere extra. Lo prese, lo mise nella vasca da bagno, vi si arrampicò. E si avvolge di nuovo le braccia intorno al collo. Ebbene, come puoi non baciare un tal fascino? Certo, lui la strinse per la vita e il culo contro di lui, la baciò appassionatamente con le sue lingue. Siamo così assorti che non ci accorgiamo di Roman che entra dopo di noi con un mucchio di asciugamani. Non ci accorgiamo nemmeno di come abbia aperto la doccia e abbia iniziato a versarci acqua addosso. Ci ha bagnati. Ma abbiamo continuato a baciarci. Poi ha passato entrambe le mani su Ksankina e sul mio prete. Non me l’aspettavo e mi sono tirato indietro un po ‘da sua moglie. E Roman ne aveva bisogno. Quando Oksana e io guardammo Roma con aria interrogativa, lui si limitò ad allungare la mano verso il mio pene e afferrò il suo tronco con il palmo. Cominciò a masturbarsi un membro quasi alzato. Ho provato ad allontanarmi, ma il palmo di Oksana, posto sul mio sedere, ha spiegato che non dovevo aver paura. Dopo avermi masturbato un po ‘, Roman si chinò e prese un membro in bocca. Iniziò a succhiarlo, ad accarezzare lo scroto, rotolando i miei testicoli. Succhiava molto forte, non come le ragazze. Mi è piaciuto e ho cominciato a calmarmi. Oksana, vedendo che mi ero calmata, mi prese per il mento, si voltò verso di lei e di nuovo mi scavò con un bacio.

guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments